Luca Radaelli, nato a Lecco il 29 maggio 1959, nel 1985 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all’Università degli Studi di Milano con una tesi dal titolo “Peter Brook e A Midsummer Night’s Dream“; la sua formazione teatrale si deve a una serie di esperienze laboratoriali con Renzo Vescovi, Yves Lebreton, il Teatr Laboratorium di Wroclaw, Eugenio Barba, Ludwik Flaszen, Gabriele Vacis, Giuseppe Manfridi.

In qualità di regista e drammaturgo dirige la compagnia Teatro Invito dal 1989, firmando gli spettacoli “Sogno andaluso”, “Carillon”, “A quel tempo” (finalista Premio Scenario 1991), “I racconti di Giuan Candela”, “Ti ricordi di Nuvola Rossa?” (Segnali 1994), “Il Partigiano J.” (Segnali 1996, selezione Stregagatto 1997), “Adamo & Eva, lezioni d’amore” (Segnali 1997), “Il racconto dei Promessi Sposi” (Segnali 1998, Menzione Speciale della Giuria al Premio ETI/Stregagatto 1998), “Hansel e Gretel” (Segnali 2000, Miglior Spettacolo Festival Mediterraneo Ben Arous 2001), “Il bosco di Macbeth” (Segnali 2001), “Ulisse” (Segnali 2002, premio festival Mostagem 2002), “La fiaba dello straniero”, “Addio Adda addio”, “La cena in scena” (Segnali 2004), “Senza paura”, “La leggenda dell’uomo selvatico” (Segnali 2006), “Racconti di contorno”, “La colonna infame” che hanno partecipato a numerose rassegne a livello nazionale.

Ha partecipato con il testo “Pesche miracolose” all’edizione 2003 di “Trame d’autore” e con il testo “Prima o poi cadrà la pioggia” al progetto “La fabbrica dell’uomo” organizzati dall’Outis a Milano; ha condotto un laboratorio all’Istituto di italianistica dell’Università di Cambridge (UK) nel 2001; ha partecipato come relatore al Convegno “Théatre et imaginaire des enfants” al Festival di Boumerdès (Algeria); ha partecipato come relatore a Convegni sul Teatro Ragazzi a Lecco, Como, Pavia, Lugano, Udine, Belluno.

Ha condotto diversi laboratori con ragazzi e giovani delle scuole medie e medie superiori di Lecco, nonché corsi di aggiornamento per insegnanti in Provincia di Lecco, Sondrio, Milano; ha condotto un corso di aggiornamento per attori sulla drammaturgia per la Provincia di Piacenza nel 2007; nel 1992 è stato curatore del progetto “I luoghi della memoria” per il Comune di Lecco; ha collaborato con i Musei Civici di Lecco a un progetto pluriennale sul teatro in relazione alla didattica museale, dirigendo le azioni “I promessi sposi nei luoghi dei promessi sposi”, “Dalla rievocazione all’indagine storica. 1945/95”, “Visita teatrale a Casa Manzoni”; ha collaborato anche con il Centro Studi Manzoniani per la “Visita teatrale a Casa Manzoni” a Milano.

E’ stato co-direttore del Festival Campsiragoteatro nel 1996 e 1997, partecipando, per la drammaturgia, al progetto “Il paese dei Vinti” (co-produzione delle compagnie Teatro Invito, Teatro Città Murata, Teatro La Ribalta, Erbamil e Tangram); è stato direttore artistico della Rassegna “Fatti portare dalla mamma” dal 1992 al 1997 e dal 2001 fino ad oggi, della Rassegna “Comici spaventati guerrieri” dal 1992 al 1996, della Rassegna “Posto Unico” della Provincia di Lecco nel 1998, della rassegna “Biblos/Ethnos/Teatro Giovani” 1999/2000, nonché consulente di diverse rassegne comunali.

Ha partecipato come giurato alle selezioni per Segnali della Regione Lombardia nel 1994, alle selezioni del Premio Scenario 1997 e 1999, e alle selezioni del Premio ETI/Stregagatto 1998 e 1999; è stato direttore artistico della Rassegna “Teatro Ragazzi” della Provincia di Sondrio dal 1994 al 2000; è direttore artistico del Festival “Le valli del teatro” dal 2001.

E’ stato direttore artistico del progetto europeo “La montagna incantata”, festival di spettacoli dedicati alla montagna nel 2003/2004; è vice-Presidente dell’Associazione Teatro per l’Infanzia e la Gioventù (sezione italiana della Association Internationale du Théatre pour l’Enfance et la Jeunesse) dal 1996- ha partecipato come delegato italiano al Congresso Mondiale di Rostov-na-Donu in Russia nel 1996 e di Tromso in Norvegia nel 1999; è direttore artistico del Festival di Teatro Popolare di Ricerca “L’ultima luna d’estate” nel Parco di Montevecchia e Val Curone dal 1998.

In capo al mondo Credem (Auditorium)
Venerdì 17 Maggio
Ore 19:00