ItalianoEnglish

Notte dei racconti

I bambini hanno il diritto
di ascoltare la voce delle storie
Caterina, 5 anni

 Abbiamo il diritto 
di ascoltare dei suoni che accolgono 
Chiara, 5 anni

 

Venerdì 24 febbraio 2017 ore 21.00
in attesa di Reggionarra, 12-21 maggio 2017

Da Reggio Emilia un invito all’Italia, all’Europa, al Mondo, per riscoprire il valore e la magia del racconto, in un moltiplicarsi di voci che come stelle accenderanno La notte dei racconti.

Tutti insieme, tutti alla stessa ora, ma ognuno con chi vuole: adulti e bambini attorno a storie, avventure ed emozioni da leggere, narrare ed ascoltare.

Quest’anno la notte dei racconti è dedicata a
COSA STA SOTTO?

Il blu della notte è il colore che ci guida nei pensieri e nelle suggestioni da ricreare nei luoghi narranti. Possiamo richiamare questo colore anche nell’abbigliamento, nei teli da stendere intorno per sederci in cerchio se vogliamo. Blu la sedia del narratore, blu il telo di una capanna ideale teso sulle nostre teste e noi racconteremo Sotto.

La bibliografia è solo uno spunto da cui partire per arricchire il vostro patrimonio di storie.

La notte dei racconti ci invita a spegnere cellulari, computer, televisori, per accendere la musica della parola che chiama all’ascolto, all’incontro e libera memoria e immaginazione in adulti e bambini.

Racconta la tua notte dei racconti su Facebook e Twitter con l’hashtag #reggionarra

________________________

La notte dei racconti è una proposta che le singole famiglie possono realizzare all’interno delle proprie case, accogliendo, se lo desiderano, amici e conoscenti per condividere le letture e le narrazioni che i partecipanti sceglieranno e interpreteranno.

Un’ iniziativa che è aperta anche a luoghi pubblici come Nidi, Scuole dell’infanzia e Primarie, Biblioteche che potranno cogliere questa opportunità per dare vita a questo evento in piena libertà.

La notte dei racconti nasce dall’idea che ognuno di noi ha qualcosa da raccontare e che può scoprire dentro di sé quel “talento” naturale che riesce a trasformare, attraverso il racconto, anche un piccolo quotidiano accadimento in un’esperienza poetica e creativa della vita.