Nato a Reggio Emilia, autore di libri per bambini e ragazzi. Conosce la sua fantasia dentro ad un vecchio registratore che rubava di nascosto, dove registra i suoi pensieri, le sue storie, le sue avventure, la sua musica. Soltanto poi, scopre i libri, l’amore per la poesia, così affine ai suoi turbamenti d’animo e la narrativa, meraviglioso ponte col mondo delle storie. Crescendo sente la necessità di raccontare agli altri ciò che produceva. Lo studio teatrale del clown e vari corsi di teatro (Centro Teatrale MaMiMò, Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi) lo aiutano in questo delicato passaggio. Quest’essere lunare che parla al mondo mostrando le proprie fragilità, che non rivendica mai nessuna vittoria, che si pone sempre tante domande a cui non sa dare mai nessuna risposta, che ha voglia di giocare con i paradossi della vita. Nel 2010 vince il premio H. C. Andersen Baia delle Favole con l’opera: “Esco così mi perdo”. Dal testo nascerà uno spettacolo di teatro ragazzi di cui ha curato la regia, scenografia e drammaturgia. Lo spettacolo approderà con successo in teatri del nord Italia e sarà scelto, nel 2011, come spettacolo all’interno del festival Andersen di Sestri Levante.

Ha pubblicato fiabe e brevi racconti con Edizioni Corsare, Valentina Edizioni, Corsiero Editore e scrive storie per progetti legati alla territorialità con la regione Friuli Venezia Giulia e la web radio Radio Magica.